Dell’Aquila artiglia l’oro olimpico

Avevamo visto bene. La prima medaglia azzurra in terra nipponica arriva dal taekwondo grazie alla meravigliosa cavalcata trionfale di Vito Dell’Aquila. Il ventenne di Mesagne è uno degli atleti raccontati nel nostro volume Sognando Tokyo che proprio in questi giorni è sbarcato in libreria. A soli 20 anni Dell’Aquila è diventato il primo Millennial italiano a vincere un titolo olimpico. Lo aveva promesso alla vigilia e ha mantenuto la parola data. Dopo la gara ha raccontato che l’assenza di pubblico lo ha aiutato, perché il silenzio gli ha permesso di concentrarsi meglio, e che intende andare avanti per almeno altri due cicli olimpici. La sua vera battaglia è contro la bilancia perché restare nel peso non è facile. Il re dei 50 chilogrammi di questa antica arte coreana è comunque il pugliese di Mesagne, paese che ha dato i natali anche all’olimpionico di Londra Carlo Molfetta.

La giornata olimpica ha purtroppo regalato la terza sconfitta consecutiva alle ragazze del softball, battute dalle giapponesi per 5-0. Meglio è andata alle cestiste del 3×3 che all’esordio hanno battuto la Mongolia per 15-14 per poi perdere contro la Francia per 19-16.

Domani giornata piena perché in scena vanno le ragazze della ginnastica artistica guidate da Enrico Casella, l’equipaggio del laser, Gabriele Rossetti nello skeet, Stefanie Horn nella canoa slalom e Arianna Errigo nel fioretto femminile.

Lascia un commento