Le azzurre del softball lottano, ma gli Usa passano 2-0

Il cuore e la grinta ci sono, i punti in classifica mancano. Le Sorelle tricolori lottano incessantemente sul diamante di Fukushima, ma l’esordio olimpico – con due giorni di anticipo rispetto alla cerimonia d’apertura – è avaro di soddisfazioni. Le statunitensi passano 2-0, sebbene le azzurre abbiano venduto cara la pelle.

Gli Stati Uniti, campionesse del mondo in carica e grandi favorite insieme al Giappone, si sono affidate all’estro di Cat Osterman in pedana di lancio. La trentottenne mancina ha intimorito le mazze tricolori, che però hanno ben retto la contesa. Ottima prestazione anche sul monte azzurro da parte di Greta Cecchetti, che ha retto fino al quarto inning, quando le statunitensi hanno sbloccato il risultato, raddoppiando poi nella parte bassa della quinta frazione.

Il 2-0 è comunque un punteggio lusinghiero per le nostre Sorelle, che alle Olimpiadi contro le yankee avevano perso 6-0 a Sydney e 7-0 ad Atene. Si esce quindi a testa altissima dal match inaugurale. Prossimo appuntamento giovedì 22 alle 8 italiane contro l’Australia, che nel primo incontro ha perso 8-1 in 5 inning contro il Giappone.

Lascia un commento